Windows 11, sebbene ancora lontano dalla sua versione definitiva, può essere installato su una copia autentica di Windows 10, aggiornata alla versione 21H1.

Essendo una versione quindi ancora lontana dall’essere definitiva, vi consiglio di non installarlo sul vostro pc principale, ma su una partizione a parte o meglio, un pc secondario, in quanto potrebbe avere bug importanti.

Altra cosa molto importante, non fidatevi delle iso che trovate in siti esterni a Microsoft, usate solo software ufficiale, anche perchè potreste incorrere in virus, spyware etc.

COSA SERVE PER INSTALLARE WINDOWS 11

Per quanto riguarda le caratteristiche hardware:

  • Processore Almeno 1 gigahertz (GHz) con 2 o più core su un processore a 64 bit
  • RAM 4GB
  • HDD almeno 64 GB
  • Firmware di sistema (BIOS) UEFI con TPM 2.0
  • Scheda video integrata o dedicata compatibile DirectX 12 o successive
  • Schermo con definizione almeno 720p

Per accedere all’installazione dell’aggiornamento bisognerà poi iscriversi al programma Windows Insider, tramite un account Microsoft già esistente oppure, andrà creato nuovo.

A quel punto dopo che avrete fatto l’iscrizione avrete l’accesso immediato agli aggiornamenti, tramite link da browser agli aggiornamenti per preparare Windows 10 per essere compatibile all’aggiornamento a Windows 11.

Se invece volete fare una installazione nuova scaricate il Creation Tool di Windows per creare una chiavetta con l’ultima versione di Windows 10, pronta per l’aggiornamento.

PREPARARE WINDOWS 10 E IL PC PER L’AGGIORNAMENTO

A questo punto dobbiamo andare sul nostro pc, accedere alle Impostazioni di Privacy, attivare Feedback e Diagnostica facoltativi, quindi ritornare su Windows Update, accedere a Programma Windows Insider e inserire l’account Microsoft col quale ci siamo autenticati sul sito Windows Insider e scegliere canale Dev.

Altra cosa che dobbiamo controllare è che il TPM (Trusted Platform Module) sia attivato, attraverso la finestra Esegui, digitare il comando tpm.msc. Deve uscire una schermata come quella sotto.

Se così non fosse, dovrete recarvi nel bios del vostro pc ed attivare il TPM. Qui sotto l’esempio della mia scheda madre.

A questo punto Windows Update scaricherà windows 11 e, quando sarà pronto da installare non dovrete fare altro che riavviare il vostro pc ed attendere l’installazione

Schermata di avanzamento dell’aggiornamento
Preparazione del sistema
Windows 11 installato, ecco il desktop

Di Guido Dal Bo

Nato a Vittorio Veneto il 19/04/1985 e diplomato IPSIA settore elettrico nel 2009, mi occupo da molti anni di assistenza a persone anziane, nello specifico nella ristorazione. Nei primi anni 2000, grazie ad alcuni corsi in scuole private, sviluppo una grande passione per l'informatica, che mi porta prima ad approfondire l'utilizzo e poi anche la manutenzione di sistemi Windows. Studio anche linguaggi di programmazione web come html, css e php-mysql, aprendo il mio primo sito interamente dinamico nel 2006, dandogli il nome di guido85.it. Esso raccoglieva tutorial ed esperienze maturate nei corsi fatti. Grazie alla mia passione, in pochi anni, comincio ad assemblare i miei pc da solo, fino a riuscire a configurare un pc a partire dalla scelta dei componenti. Negli ultimi anni mi sono dedicato all' evoluzione dei nuovi dispositivi come smartphone e tablet, ma anche di Linux, nonchè all'evoluzione dei sistemi Windows.